cartoon1583357996962.jpg

        Scrivo romanzi, “faccio” lo scrittore, almeno ci provo. Certamente tento di farlo bene, con cura e dedizione, come in fondo dovrebbe essere sempre. Non “faccio”, però, soltanto questo. Dalla polvere di alti scaffali, dagli angoli bui di magazzini abbandonati  inseguo capolavori dimenticati, assopiti sotto la coltre del tempo, rimasti soffocati dalle frenetiche ansie editoriali. Inseguo quelli che normalmente chiamano CLASSICI. Provo ad offrirgli nuova vita, tento di salvarli dall’oblio convinto che abbiano subìto un’ingiusta fine, sicuro che non abbiano resistito all’incuria degli anni per puro caso, bensì perché custodi di un magico sapere.   

La bellezza salverà il mondo (credo)

Avere qualcosa di importante da dire e non essere ascoltati è una condanna atroce, una colpa della quale non voglio macchiarmi e allora scovo libri, certi libri, bei libri.

Convinto che la lettura sia un’arte della mente e un’aspirazione dell’anima, confido che in ogni pagina si nasconda un seme pronto a germogliare, una radice in procinto di attecchire,  così da incastrarsi nell’ampio mosaico umano.

    Mantenere un occhio al passato e uno al futuro per affrontare una sfida che necessita di zelo e passione, utopia e coraggio, fiducia e aria dove vivere, crescere e proliferare nella logica del bene comune. Confidando su menti aperte all’universo, affacciate sulla cultura, vorrei intraprendere questo duro cammino e vorrei farlo assieme a tutta la curiosità dei lettori.

dente_page-0001.jpg
243583044_856302285049647_2430964110601247556_n.jpg
243633568_856350761711466_3665882218629172837_n.jpg

Per fare un albero ci vuole un dente

Se avrete pazienza, vi racconterò la favola di una favola; nella quale ci sono eroine ed eroi senza macchia. Concedetemi tre post e garantisco un lieto fine.

Nel marzo del 2020 quando eravamo tutti rinchiusi, mi chiama Antonia Santopietro (professoressa, fondatrice di "Zest", amica), chiedendomi se volessi partecipare con un articolo al periodico "Tellus". Accetto con slancio ma ne nasce, per inettitudine mia, una favola ecologista. Me ne spiaccio, comunque Antonia con onestà vaticina: "La pubblico quando vuoi, ma secondo me merita una monografia". Lo prendo come sprone e ringrazio. I mesi successivi passano duri per tutta l'editoria, non solo. Tempo dopo mi telefona Valerio Nardoni (traduttore, editore, amico) informandomi che Valigie Rosse ha superato la tempesta Covid e riprende le pubblicazioni. Precisa, inoltre, che riparte la collana per bambini, "I panierini", perciò tolgo la favola ecologista dal cassetto. Lui la legge e, secondo la loro democrazia editoriale, la sottopone ai 'folli toscanacci' della redazione. Due giorni più tardi Valerio mi ricontatta dichiarando la volontà della casa editrice di pubblicarla. Intuiamo, però, che per essere una favola degna di tal nome necessita di immagini. Tento un azzardo e chiamo Elena Miele (artista, illustratrice, amica). Le mando il file, lei lo divora in una notte ed entusiasta, l'indomani, mi butta giù dal letto. Comincia a lavorare gratuitamente a 22 tavole, tutte a colori. Squadra e materiale ci sono, iniziano i lavori. Siamo nella primavera del 2021. Si lavora alacremente, si vedono i primi risultati in estate e mentre si suda, lancio una proposta. Una coppia di miei fraterni amici ha fondato: Pfic Italia Network- Colestasi Intraepatica Familiare Progressiva un'associazione che raccoglie fondi contro una malattia rara del fegato. Una patologia oggi senza cura che colpisce, soprattutto, bambine e bambini. Fortunatamente la ricerca sta dando risultati per garantirgli un futuro migliore. Si decide senza tentennamenti, allora, di devolvere alla causa tutti i diritti d'autore e i ricavati. Continuiamo a lavorare felici alla 'favola ecologista', consapevoli che nessuno né prima, né dopo intascherà un centesimo. Valerio aggiunge un'idea, nella bandella potrebbe esserci anche un Qr code capace di rinviare a contenuti multimediali extra. Si progetta, dunque, l'audio libro, ma il tempo è sempre meno. Acciuffo Edoardo Camponeschi (attore, doppiatore, amico) gli racconto del progetto, lui domanda soltanto: "Entro quando?". Registra e invia in meno di quattro giorni. Intanto la storia viene tradotta in inglese da Antonella Ruberto (interprete, madrelingua, amica). Si sgobba, siamo ai primissimi di settembre. Dopo prove di stampa, correzioni di bozze, etc pochi giorni fa la favola ecologista, ossia: "Per fare un albero ci vuole un dente", esce dalla tipografia e da venerdì sarà presente al "Pisa Book Festival". Il protagonista è il piccolo Giulio, personaggio ispirato a un bimbo che osservò con sguardo meravigliosamente sbalordito un oggetto banalissimo per noi adulti. Quanto stupore intravidi in due soli occhi! È una favola sull'importanza di credere nell'ecologia, specialmente nei sogni, soprattutto sull'importanza di credere. Magari è una favola utile anche per i grandi, chissà. 

Ho scritto tanto, eppure sono certo che questo sia il mio lavoro più bello, in senso assoluto. Il lavoro altruistico di tanti mi ha mostrato che è vero: l'editoria è un 'circolo vizioso' pieno di furberie, piaggerie lucrose, fanatismi elitari, mercimoni edulcorati; ma per una volta almeno, si è mostrata un 'circolo virtuoso', dove vince una causa comune, disinteressata, perfino nobile. Una causa dove c'è una morale, proprio come nelle favole. Grazie di cuore a tutti loro, quindi, ne avevo infinito bisogno. Grazie in anticipo a chi comprerà il libro, ne hanno bisogno. Avevo promesso un lieto fine, spero di aver mantenuto la parola. La "parola", per me, è una cosa importante.

Ogni info su: "Per fare un albero ci vuole un dente":

- Il libro è adatto a un pubblico dai 5 ai 99 anni, costa 13 euro, conta 48 pagine a colori, formato 15x18 con bandelle. Il ricavato andrà a Pfic Italia Network

Si può comperare:

- Sul sito di Valigie Rosse, pagando con Pay Pal o tramite bonifico. Chi non disposse di simili mezzi, può scrivere direttamente a info@valigierosse.it

- Sul sito di IBS 

- Ordinandolo in tutte le librerie, compresi i mediastore (insistete, però, probabilmente diranno che non è disponibile. È la risposta canonica applicata quando la casa editrice non rientra in certe logiche distributive, ma è falso).

Modalità:

- È un progetto totalmente indipendente, perciò non viene veicolato dalla grande distribuzione.

SCRIVIMI...se ti va!

Nome *

Email *

Oggetto

Messaggio

Evviva! Messaggio ricevuto.

Colto Ascolto

COLTO-ASCOLTO-2021.jpeg

Un programma radiofonico con celebri romanzi di ogni epoca, autore, genere. Grandi classici della letteratura tradotti in audiolibri, letti sabato e domenica dalle 10.30 alla 12.00 in onda su radiosvolta.it

Le ultime uscite dove ho messo lo zampino!

cALDI DI STAMPA

I Diari di viaggio di Herman Melville, accompagnati da una introduzione che ne delinea la figura storica e artistica e finalmente disponibili in Italia in versione integrale, rappresentano un contributo inedito ed essenziale per apprezzare l’intera produzione melvilliana.
 

Melville Diari di viaggio_fronte COPE.jpg